Franco Sacchetti

Condividi il post

Franco Sacchetti

VITA (1330-1400)

Franco Sacchetti nacque a Ragusa, in Dalmazia, da padre fiorentino, intorno al 1330. Apparteneva a una nobile e antica famiglia, da tempo però dedita alla mercatura (questo spiega la sua nascita fuori da Firenze). A questa attività si dedica egli stesso, ma a un certo momento egli è attivamente e stabilmente impegnato nella vita politica di Firenze: è ambasciatore, “osservatore” a seguito di ambascerie, ricopre le più importanti ambascerie fino a diventare priore nel 1384. Dopo fu podestà in molte città della Toscana e dell’Emilia. A ciò fu costretto anche dal bisogno, soprattutto nel 1397, quando un’incursione di milizie mercenarie nemiche devastò le sue terre. Morì di peste a San Miniato nel 1400.

Ragusa_2008_IMG_1458
Ragusa (2008)


Franco Sacchetti è figura rappresentativa della BORGHESIA FIORENTINA del Trecento, attiva e intraprendente, dotata di una intelligenza lucida e spregiudicata e di principi morali semplici ma concreti. Non ha lo spirito da riformatore e, benché non conformi suoi ideali alla realtà che lo circonda, accetta questa con una SAGGEZZA UMANISSIMA E COMPRENSIVA.

Accanto a questa saggezza, Sacchetti ha anche un vivo interesse per la cultura, che gli apprende da AUTODIDATTA, nelle pause della vita attiva e che concepisce sempre come finalizzata a portare un miglioramento pratico nella vita della società. È lo stesso ideale di Brunetto Latini: la cultura come maestra del vivere civile Per questo in Sacchetti non troviamo la profondità di temi o di analisi dei tre grandi scrittori fiorentini, Dante, Petrarca, Boccaccio. Troviamo invece i vivi problemi del suo tempo, uno specchio della sua età.

OPERA

Gli scritti hanno un carattere PRATICO e POPOLARE.

« LA BATTAGLIA DELLE BELLE DONNE »

La battaglia delle belle donne è il primo scritto di Franco Sacchetti. È un poemetto in ottave che narra scherzosamente la battaglia delle donne giovani e belle di Firenze contro quelle vecchie e brutte. La vittoria è delle prime.

« SPOSIZIONI SUI VANGELI »

E’ un’opera più interessante della precedente. Sono scritte dopo il 1378. L’autore, meditando sui Vangeli, affronta alcuni problemi di moralità pratica e quotidiana che la vita gli propone.

« RIME »

Le Rime di Franco Sacchetti si possono dividere in:
– RIME POLITICHE E MORALI: Sacchetti espone con saldezza i suoi ideali di uomo e cittadino di uno stato lontano dalla demagogia e dalla tirannide, fondato su una classe media libera e attiva, il suo amore per Firenze e la sua grandezza.

– RIME PER MUSICA: è una poesia di svago e conforto nelle ore di ozio, nata quindi come intrattenimento galante e leggero. La migliore poesia di Sacchetti è quella per musica: ballate, madrigali, cacce, spesso musicate da lui stesso. Tale poesia è legata a un rinnovamento del gusto musicale, che dalla Francia si diffonde in Italia, soprattutto a Firenze, dove però forte è anche l’influsso della musica popolare, meno raffinata e melodicamente più libera.
Da qui nascono i toni freschi e lieti, la musicalità facile e leggera che vuole ricreare gli animi, più che elevarli. Ha un tono vago e sognante, è priva di qualsiasi meditazione morale. Vi si manifesta invece il suo senso vivo e fresco della realtà, soprattutto nelle cacce..

La CACCIA era una rappresentazione di scena di caccia, o comunque di movimento vivacissimo, scritto in un vivace e brioso metro libero e cantata a più voci.

« TRECENTONOVELLE »

L’opera maggiore di Franco Sacchetti, dove confluiscono tutti i suoi temi, è il “Trecentonovelle”.
Il libro fu in parte scritto e ordinato nel 1392, nel periodo più tormentato della vita del poeta, e appare come CONFORTO e come MEDITAZIONE della propria esistenza passata.
L’opera comprende 300 novelle, ma 78 sono oggi perdute e altre ci rimangono in forma frammentata. La diffusione dell’opera fu infatti limitata dal fatto che Sacchetti conservò gelosamente il manoscritto e non permise che ne venissero fatte delle copie. Inoltre il genere della novella era considerato popolare e inferiore agli altri, tant’è che per qualche tempo perfino Boccaccio fu lodato per le opere oggi dette “minori”, e non per il Decameron.

Il Trecentonovelle è un’opera letterariamente meno elaborata di quella di Boccaccio, per ammissione stessa del Sacchetti che si descrive come un uomo di scarsa e non raffinata cultura. Egli vuole soltanto fornire una lettura semplice e piacevole, non priva di qualche necessaria CONSIDERAZIONE MORALE.
Le novelle non hanno una cornice e si rifanno al gusto della novellistica prima di Boccaccio. In esse confluiscono quindi RICORDI, CRONACHE, racconti di VITA VISSUTA, elevata a un SIGNIFICATO MORALE ESEMPLARE. Ogni novella infatti ha una fragile struttura narrativa ed è sorretta da un’azione centrale che spicca appunto in funzione della sua MORALE.

Il clima corale è privo di approfondimenti psicologici e mira a descrivere la vitalità della vita reale, di preferenza quella del POPOLO COMUNE e della BORGHESIA.

STILE: lo stile del Trecentonovelle è rotto e spezzato per aderire alla vivace dinamica delle vicende, è semplice e ha cadenze popolari che lo fanno assomigliare a una diretta trascrizione di un racconto orale.

Scopri gli Audio Corsi

Scopri il catalogo degli audio corsi disponibili.

Altri articoli

Richiedi la tua opera latina letta in metrica

Se l’opera che cerchi non è presente sul portale Omnes Litterae, richiedila tramite il modulo di contatto. A causa della gran mole di richieste, la Redazione non assicura il tempestivo esaudimento della richiesta.

[]